Che il colore verde sia uno dei miei colori preferiti ormai non è più un mistero per nessuno!!!!
Ma quando arriva la primavera questo colore assume un significato ben preciso: la natura che si risveglia da un lungo sonno, il verde per me è questo: è vita!!!!!

 Roma in questo periodo è bellissima….domenica scorsa è stato il primo giorno di sole dopo tanti di pioggia e così io e Max siamo usciti presto per goderci la giornata, l’aria fresca e quel sole che ti scalda, la spesa come di consuetudine al farmer’s market dove finalmente sui banchi sono arrivati piselli, fave e carciofi (questi stanno in realtà per terminare!) allora ho capito che la primavera era veramente arrivata!!! Ed in mente è scattata subito l’idea della vignarola!!!!

Avete mai sentito parlare di Vignarola?

A Roma è il piatto principe della primavera. L’inno alla primavera in tavola!! Un piatto della tradizione, una ricetta semplice e antica  a base di fave, piselli e carciofi (c’è chi mette anche la lattuga,)

In questo piatto ci sono tutte le gradazioni di verde da quello intenso dei piselli freschissimi , a quello lucido delle favette sbucciate a quello più sbiadito dei carciofi.
La vignarola è una ricetta sopratutto dei Castelli Romani, della campagna, dove vivevano i vignaroli che coltivavano le  fave, i piselli e i carciofi tra i filari di vite per non lasciare nessuna lingua di terreno non coltivato, da qui il nome di vignarola!!!

Questo piatto nasce come contorno di verdure per accompagnare la carne e si serve generalmente da solo io invece ho voluto inserirlo in un primo di pasta ed ecco cosa è uscito fuori. Questo è il mio modo per dare il benvenuto alla Primavera!!!

Vermicelli alla Vignarola

Ingredienti per 2 persone

160 gr di Vermicelli Garofalo
2 carciofi
100 gr di piselli freschi sbucciati
100 gr di fave fresche sbucciate
1 cipollotto fresco
vino bianco q.b.
1 fettina di pancetta o guanciale
mentuccia
olio evo
sale
pepe macinato al momento

Pulire le fave e i piselli. Mondare e pulire i carciofi, tenete solo il cuore più tenero, tagliandoli a spicchi e tenendoli sempre in una ciotola con acqua e limone per evitare che si ossidino. una padella rosolare la pancetta tagliata a dadini con un filo di olio evo, poi unire il cipollotto affettato.  Sfumare con un pò di vino bianco (una spruzzata).  Unire i carciofi che impiegano più tempo per la cottura. Salare e coprire e cuocere a fuoco basso. Aggiungere un pò di acqua di cottura della pasta. Dopo circa 10 minuti aggiungere i piselli e le fave sgusciate anche della pellicina.  Lasciare cuocere a fiamma bassa. Le verdure devono restare integre non devono spappolarsi. Aggiungere la mentuccia romana.
Scolare la pasta nella padella in cui sta la vignarola, farla saltare e impiattare. Decorate con foglioline di mentuccia romana fresca e una macinata di pepe nero.

Con questa ricetta partecipo al bellissimo e coloratissimo contest “Color Food” della cara  Donatella di Fiordirosmarino ovviamente nella sezione “verde”

Questa ricetta partecipa anche al contest di Roberta  “Happiness is Homemade” 

17 Comments on Green Food, Green Spring: Vermicelli alla Vignarola

  1. Kittys Kitchen
    10 Aprile 2013 at 7:24 (7 anni ago)

    Da amante della vignarola…
    Romana fino al midollo, non posso che essere un estimatrice di questo piatto.
    Bellissima la prima foto fa proprio primavera

  2. Patty
    10 Aprile 2013 at 8:22 (7 anni ago)

    Carissima Claudia, ti invidio moltissimo. Qui da noi neanche il segno di un pisello ne di favette piccole e tenere come quelle che hai usato tu in questa pasta meravigliosa. Dovrò aspettare ancora ma sono certa che appena uscirà il caldo sarà troppo tardi. Uffa….mi rifaccio gli occhi, le foto sono meravigliose. Pat

  3. sississima
    10 Aprile 2013 at 10:52 (7 anni ago)

    il verde è il mio colore preferito, anche in cucina, ottimo! Un abbraccio SILVIA

  4. Marina
    10 Aprile 2013 at 12:42 (7 anni ago)

    La conosco di nome ma credo di non averla mai assaggiata, di sicuro non l'ho mai fatta. Anche qui come da Patty neanche l'ombra di piselli e fave, uff! E pensare che ho una voglia di verde che non hai idea! Intanto mi godo il primo mazzo di asparagi che mi ha portato mio padre… non vedo l'ora arrivi stasera!
    le foto sono bellissime, come sempre del resto
    Un bacio

  5. Gio
    10 Aprile 2013 at 12:54 (7 anni ago)

    la vignarola è buonissimaaaa!
    l'ho fatta una volta con le tagliatelle e se la ricordano ancora!
    bravissima Claudia!

  6. Dolci a gogo
    10 Aprile 2013 at 13:23 (7 anni ago)

    Che piatto fantastico tesoro che più green non si può e sai che non conoscevo questo piatto??devo mettermi subito al passo e provarlo!!bacioni,Imma

  7. Donatella Bochicchio
    10 Aprile 2013 at 16:54 (7 anni ago)

    Carissima, grazie per la ricetta e per avermi fatto conoscere la vignarola!
    Che piatto fantastico….
    Un bacione

  8. Annalisa -Piccanti Sapori Speziati-
    10 Aprile 2013 at 18:04 (7 anni ago)

    ..la "Vignarola"?! E' la prima volta che ne sento parlare…imparo sempre qualcosa da te su quello che è lo scenario romano culinario in tutte le sue sfaccettature.. Piatto dal colore fantastico e di certo chissà che gusto..adoro tutte le verdure impiegate 😉

  9. Assunta
    11 Aprile 2013 at 11:55 (7 anni ago)

    Adoro il verde quanto te e per un piatto così farei follie!!! 🙂
    Bacioni cara e buona giornata!

  10. verdecardamomo
    12 Aprile 2013 at 9:26 (7 anni ago)

    Cara Patty, il problema della vignarola è che è effimera nel senso si può fare solo in un breve periodo perchè se aspetti che arrivano le fave magari non ci sono più i carciofi!! Però mai dire mai..un bacio

  11. verdecardamomo
    12 Aprile 2013 at 9:27 (7 anni ago)

    Silvia siamo in due allora!!! 🙂

  12. verdecardamomo
    12 Aprile 2013 at 9:28 (7 anni ago)

    grazie tesoro !!! Vengo a a vedere cosa hai combinato con gli asparagi!!

  13. verdecardamomo
    12 Aprile 2013 at 9:29 (7 anni ago)

    ma dai!!!! allora mi hai preceduto!!! Grazie 🙂

  14. verdecardamomo
    12 Aprile 2013 at 9:30 (7 anni ago)

    sono contenta di trasmettere un pò delle ricette romane ..allora non ti resta che provarla se vuoi veramente diventare romana a tutti gli effetti!! Un bacione grande

  15. sabry
    12 Aprile 2013 at 10:01 (7 anni ago)

    Evvai col verde! Adoro la vignarola, solo il colore mi riappacifica con la vita!

  16. Miss.Magorium
    17 Aprile 2013 at 13:39 (7 anni ago)

    che bello.. e che buono sarà! complimenti!

  17. Roberta
    18 Aprile 2013 at 8:29 (7 anni ago)

    Ciao Claudia! La vignarola non la conoscevo e mi ha fatto piacere leggerne la storia.Sono sempre molto curiosa riguardo agli aspetti tradizionali del cibo.
    Conosco però una preparazione simile, una zuppa con fave, piselli, carciofi e lattuga che è tipica della zona lucchese.
    Inserisco la ricetta nel contest (con tutte queste verdurine primaverili, tra l'altro, mi hai fatto innamorare della tua cucina!) e ti auguro in bocca al lupo!
    A presto, e grazie mille!!! 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.