Oggi siamo alla terza giornata dedicata al re della tavola estiva: il pomodoro, l’ortaggio che sta alla base di tutta la cucina italiana. Un concentrato di salute dovuto alla presenza del licopene e di  sapore, un’esplosione di colore e allegria, una fonte inesauribile di freschezza …ma da dove arriva questo ortaggio che è il protagonista indiscusso della tradizione culinaria italiana???? Forse già lo sapete ma vi racconto la sua storia per chi non la conoscesse……

Correva l’anno 1540 e i conquistadores spagnoli portavano con le loro navi i primi pomodori in Europa dalle Americhe. Questo ortaggio fu inizialmente guardato con sospetto e ce ne ha messo  di tempo prima che fosse preso in considerazione e  diventasse poi  il re indiscusso della cucina italiana e non. Eh si perchè dovete sapere che inizialmente era considerato solo una curiosità botanica e addirittura si pensava fosse velenoso (vi rendete conto che assurdità????) . Bisogna aspettare la fine del Seicento per trovare il nome del pomodoro citato in un ricettario ma solo nell’Ottocento le virtù di questo vegetale vengono comprese.


Oggi il pomodoro è l’ortaggio più coltivato in Italia oltre che il più diffuso e amato in cucina.

In Italia fu subito chiamato “pomodoro” grazie al suo colore; in Francia invece fu chiamato “pomme d’amour” ossia pomo d’amore, ma quello che è prevalso in gran parte delle lingue europee è stato il termine derivante dall’aztecho xitomatl diventato attraverso la lingua spagnola “tomate”.
Dopo questo excursus storico sul pomodoro vi lascio la ricettina di questa crema che potete preparare in anticipo e servire fredda …direi decisamente fredda visto le temperature

Crema di pomodoro carvi e curcuma 


INGREDIENTI  per 4 persone


1 kg di pomodori maturi
1 cipolla
1 cucchiaino di semi di finocchio (la ricetta originale prevede i semi di carvi )
1 cucchiaino di curcuma
olio evo
sale
Con un coltello incidete la base del pomodoro con una croce poi tuffateli in acqua bollente leggermente salata per 30 secondi giusto il tempo necessario per rendere la pelle più  facilmente staccabile. Quindi sgocciolateli e pelateli eliminate i semi e tagliateli a pezzi.
Sbucciate la cipolla, affettatela e fatela appassire per 7/8 minuti in una casseruola con un cucchiaio di olio a fiamma bassa evitando che si imbiondisca. Unite i pomodori, salateli e bagnateli con acqua sufficiente a coprirli a filo, portate a ebollizione lasciate cuocere per circa 40 minuti.
Con un frullatore a immersione riducete il tutto a crema, mescolatevi la curcuma e distribuite in tazze la crema, spolverizzate con i semi di carvi . potete servirla, calda, a temperatura ambiente o fredda di frigo.


(la ricetta è tratta da “La Cucina” del Corriere della sera)




…………………….. ………………………………………………………la tomato’s week continua domani…….

6 Comments on Crema di pomodoro con semi di finocchio e curcuma

  1. ( parentesiculinaria )
    15 Luglio 2010 at 6:56 (10 anni ago)

    Come la terza?? E la seconda??? Me la sono persa… Ora vado a recuperarla!
    Intrigantissima questa…

  2. Marjlou
    15 Luglio 2010 at 8:16 (10 anni ago)

    Certo che ormai con i pomodori non ti ferma più nessuno: complimenti hai tanta fantasia e riesci a meraviglia a declinare un singolo ingrediente in mille splendide ricette!
    Ti ho assegnato anche un premio, ti aspetta nel mio blog!

  3. Jasmine
    15 Luglio 2010 at 8:49 (10 anni ago)

    Anche io l'avevo visto sulla cucina del corriere e pensavo proprio di farlo! L'idea che hanno avuto di metterla nei mug poi è bellissima 🙂

  4. Claudia
    15 Luglio 2010 at 10:16 (10 anni ago)

    @parentesiculinaria:ma allora non segui!!!ahahahah vai a vedere la 2°. intrigante e sopratutto facile
    @Marjlou: GRAZIE ma sei un TESORO!!!!!Che emozione …pure un premio vengo subito a prenderlo!!! GRazieeeeeeeeeeeeee
    @Jasmine: Si l'idea è originale e inoltre è veramente gustosa!!:))

  5. Lucia
    15 Luglio 2010 at 13:21 (10 anni ago)

    Ormai hai conquistato il titolo di "Regina del pomodoro"! Altro che "principessa sul pisello"! 😀

  6. Claudia
    15 Luglio 2010 at 13:47 (10 anni ago)

    @Lucia: sei troppo forte!!!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.