Buongiorno e Buon lunedì!!
Passato bene il weekend??
Io sono stata in giro per parchi a raccogliere fiori di borragine ed erbe spontanee per il Super Contest della mia amica Ambra dove in palio c’è  un week-end nella bellissima location montana Rifugio Meira Garneri in Valle Varaita con lo chef Juri Chiotti (che ho avuto l’onore di presentare qui ..come  potevo non partecipare) con lezione privata  di cucina con le erbe, non è fantastico?? Avete tempo ancora fino a mercoledì per partecipare. 
Con queste belle giornate adoro fare lunghe passeggiate  per i campi immersa nel verde, osservare la natura intorno e raccogliere i fiori in questo caso ho trovato quelli di borragine.
Ricordo che da bambina mia mamma ci portava, a me e i miei 4 fratelli, per campi a raccogliere la cicoria ma anche gli asparagi selvatici eh si perché quando ero bambina io ancora si trovavano e soprattutto intorno casa mia c’erano tantissimi campi dove io giocavo mentre ora c’è solo cemento.

Roma è una città bellissima ma purtroppo c’è tantissimo smog e per chi abita in città non è facile procurarsi erbe incontaminate ma se si cerca bene in realtà c’è un posto quasi nel cuore della città dove ci si può immergere nella natura questo posto è il Parco degli acquedotti, un’area archeologica-naturalistica all’interno del Parco regionale dell’Appia Antica un patrimonio dal valore inestimabile. Un’estensione di circa 240 ettari, ma avrò modo di parlarvi meglio di questo posto quando cambierò casa (manca ancora qualche mese) perchè ci andrò ad abitare praticamente dietro!!!!!

Qui  ho raccolto i fiori di borragine e l’ortica mentre i fiori di sambuco, cosa che finora non avevo mai visto li ho trovati per caso girando sopra Tivoli (dove in realtà abito) non sapevo che c’erano anche da queste parti e così non me li son fatti scappare. Hanno un profumo delicatissimo ma intenso, favolosi.
Così ho voluto creare una sorta di formaggio alle erbe accompagnato con una crema dolce.
Ambra spero ti piaccia e soprattutto piaccia allo chef Juri!!!

CAGLIATA DI ERBE SELVATICHE CON CREMA AI FIORI DI SAMBUCO E ERBE AROMATICHE 
Per la cagliata:
100 gr di ortica 
100 gr di erbe selvatiche (queste le ho comprate al mercato di campagna Amica dove mi rifornisco)
erbe aromatiche (erba cipollina, timo limone, aneto, maggiorana , fiori di borragine, fiori di camomilla)
sale q.b.
pepe nero del Sarawak q.b.
macis q.b.
Pulire e lavare bene le erbe selvatiche poi cuocerle in abbondante acqua salata, scolarle e lasciarle raffreddarle. Frullarle con un minipimer fino a ridurle in crema. Se volete una purea più fine potete anche passarle in un setaccio. Io non l’ho fatto. Regolare di sale, aggiungere una macinata di pepe e un pò di macis ridotto in polvere. Mettere la purea in una piccola casseruola, porla sul fuoco a fiamma bassa e farla scaldare dolcemente fino a quando comincerà a coagulare come una ricotta. A questo punto toglierla dal fuoco e versarla in uno stampo da ricotta in modo che scoli un pò del liquido. Lasciarla raffreddare a temperatura ambiente. 
Per la crema ai fiori di sambuco 
50 gr di latte 
1 rosso d’uovo
scorza di 1 limone
20 gr di fiori di sambuco puliti
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaino di farina
Far bollire il latte togliere dal fuoco e immergervi i fiori di sambuco. Lasciare in infusione per una notte. La mattina filtrare e rimettere il latte sul fuoco insieme alla scorza di limone.Preparare la crema. Sbattere con una forchetta il rosso d’uovo con lo zucchero aggiungere la farina e poi il latte caldo a filo. Rimettere sul fuoco e cuocere la crema.
In una padella arrostire leggermente la cagliata d’erbe all’interno del coppapasta per farle perdere un pò di acqua. Toglierla delicatamente  disporla in un piatto, cospargere la superficie con le erbe aromatiche fresche. Lateralmente alla cagliata disporre un pò di crema e decorare con i  fiori di borragine e di sambuco.

Con questa ricetta partecipo al contest “Ricette Spontanee” della mia carissima amica Ambra 

13 Comments on Il Profumo delle Erbe e dei Fiori selvatici

  1. Roberta Gavioli
    13 Maggio 2013 at 9:24 (7 anni ago)

    Bellissimo piatto! I fiori spontanei piacciono molto anche a me, e il sambuco ha iniziato a fiorire.. Li ho fatti in pastella e poi fritti, diventano croccanti e deliziosi.

  2. verdecardamomo
    13 Maggio 2013 at 10:36 (7 anni ago)

    Grazie Roberta! Si sapevo che i fiori si possono friggere. Ora che so dove prenderli la prossima volta li friggo devono essere deliziosi!! 🙂

  3. Ambra
    13 Maggio 2013 at 12:06 (7 anni ago)

    Eccomi tesoro…un magnifico piatto pieno di profumi e di colori!!! Sono davvero orgogliosa di te! PS Vuoi ridere? Ieri ho fatto una foto delle erbe dentro alla stessa tazza che hai tu, solo che la mia ha i fiori rosa…ma si puo?????? Siamo alle solite!!! Un bacione!

  4. Gio
    13 Maggio 2013 at 12:27 (7 anni ago)

    sembra un quadro è bellissimo!
    ti sei superata!! grande!

  5. Cinzia Tamburo
    13 Maggio 2013 at 13:30 (7 anni ago)

    E' un bellissimo piatto primaverile. Peccato che io non conosco per niente le erbe spontanee!

  6. Dolci a gogo
    13 Maggio 2013 at 13:55 (7 anni ago)

    Sembra davvero un campo di fiori questa tua ricetta tesoro è davvero un incanto!!!Bacioni,Imma

  7. Berry
    13 Maggio 2013 at 14:23 (7 anni ago)

    Ma che bella la tua "opera", sembra un quadro del settecento fiammingo, dove fiori di campo erano protagonisti! Complimentissimi! Un bacio!

  8. with passion by kras
    13 Maggio 2013 at 18:40 (7 anni ago)

    Che bello questo post con un piatto da gustare decorato con i fiori selvatici.
    tanti saluti, Lu

  9. Marina
    13 Maggio 2013 at 20:53 (7 anni ago)

    Un peccato mangiarla questa cagliata… Bellissima ricetta e stupenda presentazione! Un bacione

  10. Patty
    14 Maggio 2013 at 10:25 (7 anni ago)

    Un sogno fiorito….ma come saranno adorabili i fiori del sambuco?
    Bravissima, Pat

  11. Assunta
    14 Maggio 2013 at 10:29 (7 anni ago)

    Questa è alta cucina, cara, complimenti e in bocca al lupo per il contest…spero vinca tu! 🙂

  12. verdecardamomo
    16 Maggio 2013 at 12:07 (7 anni ago)

    Grazie a tutti per questi bellissimi complimenti!! Il paragone con un quadro fiammingo mi lusinga tantissimo 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.