DSC_0113Amo fare questo aceto di melagrana ogni anno verso i primi di dicembre per poi metterlo in piccole bottigliette e regalarlo ad amici e parenti. Io non amo l’aceto non lo metto mai da nessuna parte questo è l’unico che mi piace sara perché l’ho fatto io???

La ricetta l’ho presa diversi anni fa sul numero di Cucina del Corriere della sera (una rivista che amavo tantissimo peccato non viene più pubblicata).

Trovo la melagrana un frutto bellissimo con quel suo colore rosso rubino mette subito allegria e a me fa pensare subito al Natale. E’ sicuramente la regina della tavola delle feste natalizie. La melagrana è simbolo di fecondità benessere e abbondanza, e il succo sembra sia ricco di antiossidanti, vitamina A ed E e ha molte proprietà benefiche. Abbelliva i giardini di Babilonia da dove proviene e da li si è diffusa in Asia minore e nel Mediterraneo. Io ho la fortuna di avere tantissime piante di melagrane nel giardino di mia mamma e così faccio scorpacciate di succhi ogni anno e preparo sempre questo aceto oltre a utilizzarle per decorare la tavola durante le feste di Natale.

DSC_0123Fare questo aceto di  melagrana è veramente semplice la scocciatura sta tutta nel sgranare le melagrane. Ci sono vari metodi per farlo. A me piace quello antistress che facevo anche da bambina ovvero tagliare la melagrana a metà  e sgranarla chicco per chicco. C’è anche chi la taglia a metà e la spreme come un’arancia e chi la taglia a metà e batte sopra la calotta con qualcosa di duro per far cadere i chicchi. Scegliete voi il metodo che preferite.

DSC_0083ACETO DI MELAGRANA SPEZIATO

2 grandi melagrane mature con chicchi rossi  (io quelle del giardino di mamma)

750 ml di aceto di mele biologico

La prima cosa da fare è quella più noiosa ovvero sgranare bene le melagrane avendo cura di eliminare ogni  pellicina bianca che risulterebbe amara. Inserite i chicchi in un vaso o bottiglia a chiusura ermetica e versare sopra l’aceto di mele, agitarebene e poi se volete potete inserire qualche spezia come il cardamomo e l’anice stellato per profumare ancora di più il vostro aceto di melagrana. Una stella di anice  e 2-3 bacche di cardamomo per bottiglia. Chiudete bene e lasciate macerare in un luogo fresco e buio per 15 giorni.
Trascorso questo tempo riprendete il vostro aceto e strizzate i chicchi con una garza per farcire tutto il succo, quindi filtrate bene il tutto con un passino rivestito con garza ed imbottigliate. Conservate le bottiglie al buio. Dopo qualche giorno noterete sul fondo della bottiglia una posa tranquille è normale è la mucillagine della melagrana, filtrate di nuovo con una garza.
Questo aceto di melagrana è perfetto per condire insalate, puntarelle, pesce e crostacei, o per le vinaigrette.

Se volete prepararlo adesso per regalarlo a Natale potete anche utilizzare il metodo più veloce: pestate i chicchi di melagrana prima di unirvi l’aceto di mele in questo modo potete filtrare dopo soli 3 giorni di risposo.

6 Comments on Aceto di Melagrana speziato

  1. arianna
    16 Dicembre 2015 at 15:18 (3 anni ago)

    Anche io amavo quella rivista! Facciamo una petizione, che venga rimessa in vendita!!!
    Buonissimo l’aceto, amo la melagrana, lo adorerei!

  2. verdecardamomo
    16 Dicembre 2015 at 21:57 (3 anni ago)

    Si Arianna, che peccato ..dove devo firmare per la petizione?? Allora provalo te ne innamorerai 🙂

  3. verdecardamomo
    29 Dicembre 2015 at 11:43 (3 anni ago)

    ma grazie a te Maria! Una vera chicca da gastrofanatica ehehhe 🙂

  4. quintopeccatocapitale
    30 Dicembre 2015 at 14:04 (3 anni ago)

    Ciao! Davvero particolare questa ricetta! Non sapevo dell’esistenza dell’aceto di melagrana speziato. Leggendo i blog di imparano davvero tantissime cose!

    Buon anno!
    Angelica

  5. verdecardamomo
    4 Gennaio 2016 at 0:42 (3 anni ago)

    Ciao Angelica, buon anno anche a te! Questo aceto è solo una mia personale versione …a me piace tantissimo 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.