Questo pane dolce è a metà strada tra un plumcake e un pain d’epices, ma a differenza di questi due non prevede burro, e quindi perfetto sia per la colazione che per il tè delle cinque ma anche per qualsiasi momento in cui si ha bisogno di dolcezza senza preoccuparsi delle calorie. E visto che ormai le feste sono finite ma di momenti di dolcezza ce n’è sempre bisogno qui c’è dolcezza pura senza calorie anzi ci sono pure le bacche di Goji che ci aiutano a mantenerci giovani, sono infatti chiamate anche “superfrutto antiaging”. 
Le bacche di Goji, note anche come bacche tibetane o “himalayan wolfberries”, possiedono delle proprietà quasi “miracolose” grazie agli effetti benefici che apportano a chi le consuma, documentati da numerosi studi scientifici a livello internazionale.
Vi avevo già parlato di queste bacche rosse tempo fa qui quando le scoprii per la prima volta grazie ad una cena tra amici dove si parlava di cibo che ci fa bene e cibo no. E siccome dovreste sapere che sono un pò fissata con un’alimentazione sana e di benessere non potevo che accettare l’invito da parte del Goji Shop di Lindenberg di creare una ricetta ad hoc con questi piccoli frutti rossi. E’la prima volta che lo faccio e me ne sono innamorata subito sia per il profumo dolcemente speziato sia per la sua morbidezza. 

Goji Sweet Bread

450 gr di farina autolievitante
325 ml di acqua (che serve per il tè)
200 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino e mezzo da tè di anice stellato in polvere
2 cucchiaini di té nero Early Grey 
100 gr di mandorle pelate
20 gr di pistacchi di Bronte
1 uovo
 1 dl di latte + 2 cucchiai  
150 gr di bacche di Goji 

Portate ad ebollizione l’acqua e preparate il tè, filtrate e aggiungete lo zucchero mescolando finché sarà completamente sciolto. Immergetevi le bacche di Goji e lasciate a mollo per una notte. La mattina seguente trasferite le bacche in un ciotola più grande, tritate le mandorle e i pistacchi grossolanamente e aggiungeteli alle bacche di Goji. In una ciotola sbattete l’uovo con un paio di cucchiai di latte e aggiungetelo alle bacche insieme al restante latte. Infine versate la farina setacciata e l’anice stellato in polvere, amalgamate bene con una spatola fino ad ottenere un composto omogeneo. Versate il composto in uno stampo da plumcake rivestito con carta forno, non preoccupatevi se l’impasto vi sembra tanto, e lasciate cuocere per circa 50-60 minuti a 170°C o finché infilando uno stuzzicadenti risulterà ben asciutto. Fate raffreddare completamente lasciando lo sportello del forno aperto.

Lo sapevi che: Le bacche di Goji sono il frutto con il maggior numero di antiossidanti conosciuto. Contiene più vitamina C delle arance, più vitamina B1 e B3 del lievito naturale e contengono ben 22 polissacaridi,  4 dei quali sono presenti solo nelle bacche del Goji, che servono a rafforzare il nostro sistema immunitario. Contengono più calcio dei broccoli e sono una onte preziosa di betacarotene, luteina e zeaxantina.

Per ulteriori info vi invito a dare un’occhiata qui

8 Comments on GOJI SWEET BREAD

  1. Valentina
    9 Gennaio 2013 at 7:35 (8 anni ago)

    wow poi con mandorle e pistacchi deve essere sensazionale!

  2. l'albero della carambola
    9 Gennaio 2013 at 8:59 (8 anni ago)

    Ho appena fatto la scorta di bacche Goji a Nizza, dove nei supermercati le trovi facilmente e in abbondanza. Anche Simona ed io ci siamo ripromesse di utilizzarle e sperimentarle in qualche ricetta. La tua mi piace moltissimo anche perché amo il pain d'epices (in modo particolare se è senza burro)!! Sonia

  3. Clara pasticcia
    9 Gennaio 2013 at 12:35 (8 anni ago)

    Beh, io sono estasiata e sopraffatta dalla bontà delle descrizioni che ci fornisci, dalle immagini che le raccontano e da tutti questi profumi!!! E altro che se di momenti di dolcezza c'è bisogno 🙂 Complimenti sinceri per questa ricetta deliziosa. a presto, Clara

  4. Ambra
    10 Gennaio 2013 at 16:54 (8 anni ago)

    Innanzitutto sono curiosa come una scimmia di capire che gusto hanno queste simpatiche bacche…ma poi…ma quante ne sai???!! E che meraviglia è questo pane dolce!! Vorrei tanto essere la tua vicina e tu lo sai…vero che lo sai? Un bacio tesoro.

  5. Eleonora
    11 Gennaio 2013 at 11:29 (8 anni ago)

    Mi incuriosisce un sacco il tuo pane…anche perchè hai detto che è simile al pain d'épices, pane di cui vado matta!
    Complimenti!
    Eleonora 🙂

  6. Lucia Basterebbe
    14 Gennaio 2013 at 18:43 (8 anni ago)

    Complimenti ed ancora complimenti per questo blog davvero meraviglioso e ben fatto!
    Non ho esitato un attimo a diventare tua follower, ti seguirò con molta assiduità..
    Mi farebbe tanto piacere se passassi da me, il mio è un blog che ha solo due mesi, in cui parlo di wedding e molto altro.
    Buona settimana..
    A presto..

    dolcissimamenthe.blogspot.it

  7. verdecardamomo
    16 Gennaio 2013 at 11:38 (8 anni ago)

    Ciao Lucia, benvenuta!!!! anche se ormai sono già sposata passo comunque da te. Grazie per i complimenti e a presto

  8. goji pro
    12 Giugno 2015 at 2:49 (5 anni ago)

    A fruta é rica em variedade de minerais, aminoácidos,
    ácidos graxos instaurados e polissacarídeos.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.