Vi ricordate il mio post sul Brunch
Tra tutte le ricette del menu che avevo previsto ne ho scelta una, quella della pissaladière, e l’ho realizzata.
Visto che la mia vacanza estiva l’ho trascorsa in parte in Liguria mi sembrava un modo per ricordarmi l’estate.

A voi invece ricordo che oggi in edicola con la rivista Oggi trovate il Volume Il Cucchiaio d’Argento “Torte, pizze e focacce” dove ho preso la ricetta della pissaladière.
Troverete anche tutte le altre ricette del mio menu per il brunch della domenica e tantissime altre, insomma non dovete perdervelo.

Se volete consultare il piano dell’opera e vedere le prossime uscite andate qui. 
Intanto vi lascio la ricetta della pissaladière.

PISSALADIÈRE

·  1 kg di cipolle bionde

·  400 g di pasta da pane

pronta

·  una dozzina di filetti

di acciughe sott’olio

·  1 cucchiaino di zucchero

·  una dozzina di olive

taggiasche oppure olive nere

·  1 spicchio d’aglio

·  2 rametti di timo

·  1 foglia di alloro

·  olio extravergine di oliva

·  pepe nero

·  sale 

Per la pasta da pane:

500 gr di farina 00 per pizza
1 cubetto di lievito di birra fresco
300 ml di acqua 
1 cucchiaio di olio evo
1/2 cucchiaino di sale fino

Versare sulla spianatoia la farina a fontana e mezzo cucchiaino di sale fino.
Aggiungere al centro il lievito di birra sciolto in un po di acqua tiepida, l’olio evo e l’acqua un po alla volta, iniziare ad impastare con la forchetta. Aggiungere pian pian altra acqua fino ad ottenere una palla morbida ed elastica. Ungete la pasta di pane con un po di olio e lasciatela lievitare in una ciotola coperta da un telo umido per circa 1 ora (ora fa caldo).

Sbucciate le cipolle e tagliatele a fettine sottilissime.
Scaldate 4-5 cucchiai di olio in una padella, unite l’aglio
sbucciato e schiacciato, il timo, l’alloro, le cipolle , lo
zucchero, una presa di sale e cuocetele coperte, su
fiamma bassa, per circa 30 minuti, mescolando di tanto
in tanto.

Eliminate l’aglio e le erbe aromatiche, unite 6-7
filetti di acciuga spezzettati e mescolate fino a che si
sono sciolti. Stendete la pasta da pane in una sfoglia
rettangolare non troppo sottile e trasferitela nella teglia
rivestita con carta da forno.

Copritela con le cipolle, unite le acciughe rimaste
tagliate a filetti in modo da ottenere una grata a maglie
larghe, aggiungete le olive e cuocete la focaccia in
forno preriscaldato a 220°-240 per circa 25 minuti. Servitela tiepida. 

12 Comments on Pissaladière

  1. L angolo della casalinga
    3 Settembre 2014 at 13:14 (6 anni ago)

    Sembra molto particolare, è diversa dai cibi che preparo di solito.. grazie per l'idea!

    langolodellacasalinga.blogspot.it/

  2. Manuela e Silvia
    3 Settembre 2014 at 14:24 (6 anni ago)

    Adoriamo questa torta 🙂
    Molto molto saporita, anche se non adatta a tutti i palati 😉
    Buona in questa tua versione!

  3. Cinzia
    3 Settembre 2014 at 20:18 (6 anni ago)

    Non l'ho proprio mai assaggiata ma e' stupenda!!!Buona serata

  4. verdecardamomo
    5 Settembre 2014 at 9:42 (6 anni ago)

    Prego! molto gustosa che finisce in un baleno! grazie a te

  5. verdecardamomo
    5 Settembre 2014 at 9:43 (6 anni ago)

    anche io!!eh già diciamo che è per intenditori!! ehehheh

  6. verdecardamomo
    5 Settembre 2014 at 9:44 (6 anni ago)

    allora è giunto il momento di farla!!! e daiiiii Cinzia baci

  7. Annalisa -Piccanti Sapori Speziati-
    7 Settembre 2014 at 14:49 (6 anni ago)

    Tesoro non la conoscevo affatto….ma il connubio di ingredienti presagisce un delizioso sapore…. grazie!!!!!

  8. Chiara -Cucinando con mia Sorella-
    8 Settembre 2014 at 12:04 (6 anni ago)

    per "addolcire" un po' il caratteristico sapore della pissaladier ho aggiunto dei pomodorini, la tua versione tradizionale la trovo squisita!!!
    baci

  9. verdecardamomo
    8 Settembre 2014 at 21:55 (6 anni ago)

    davvero??? devi rimediare assolutamente è una focaccia deliziosa..kiss

  10. verdecardamomo
    8 Settembre 2014 at 21:57 (6 anni ago)

    Chiara hai fatto benissimo, sicuramente i pomodorini la rendono molto più dolce. in realtà ci andrebbero ldl olive taggiasche ma non le avevo..kiss

  11. l'albero della carambola
    9 Settembre 2014 at 15:54 (6 anni ago)

    …è n po' che ti penso…ma per fortuna ogni tanto intercetto qualche post e qualche fotina su fb… Adorto la pissaladiere, che acquisto a kili a Nizza, quando ci trascorro il weekend… Un bacione cara e complimenti per la piccolina
    un abbraccio
    simo

  12. verdecardamomo
    10 Settembre 2014 at 21:50 (6 anni ago)

    cara Simo, che bello leggerti di nuovo! è tanto che non vengo da te da quando è nata Noemi il tempo a disposizione è sempre pochissimo …..sei una pissaladieredipendente!!!lo capisco…baci

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.