Non capita tutti i giorni di ricevere a casa dei regali introvabili infatti è capitato che ai primi di Febbraio al rientro dal mio corso a Bologna ho trovato un graditissimo pacco regalo direttamente dal Piemonte contenente il famoso Burro salato delle Fattorie Fiandino..un ingrediente di cui avevo sentito tanto parlare su diversi blog …l’occasione è quella di trovare 30 ricette da inserire in un libro dedicato appunto al burro salato 1889. Passata la prima settimana in adorazione di uno, anzi due, panetti di burro (neanche fossero le reliquie di un santo) guai a chi li toccava, aprivo il frigo controllavo che stessero lì e se vi devo dire la verità non volevo usarlo perchè non volevo che finisse poi però dovevo darmi da fare e quindi dopo aver scartato il primo panetto e aver assaggiato curiosa questo ingrediente segreto così assoluto ho messo in moto la mia fantasia e subito sono venute in mente una quantità  di ricettine da sperimentare,  ma  volevo questo ingrediente segreto come il protagonista assoluto della mia ricetta quindi memore di alcune cose imparate durante il corso sul miele ho voluto provare il metodo di cottura delle patate su un letto di sale grosso come consigliato dallo chef e il risultato è stato un trionfo di profumi , di sapore e gusto senza paragoni

PATATE AL FORNO CON CREMA DI BURRO SALATO AROMATIZZATO

INGREDIENTI:
4 patate a pasta gialla di medie diemnsioni
sale grosso q.b.

Per il Burro Salato aromatizzato
50 gr di Burro Salato 1889
2 cucchiaini di capperi
1 mazzetto di prezzemolo
1 cucchiaio di latte

Lavare bene le patate e spazzolarle con uno spazzolino o con una spugnetta inumidita per eliminare ogni residuo di terra (senza togliere la buccia!!). Asciugatele con panno da cucina e mettetele in una teglia da forno dove avrete preparato un letto di sale grosso. Fatele cuocere in forno a 180 °c per circa 2 ore.
Nel frattempo preparate il burro aromatizzato: togliete il burro dal frigo e lasciatelo a temperatura ambiente finchè risulta morbido, in una ciotola lavorate il burro insieme al latte fino a ridurlo in crema. Mondate il prezzemolo e dissalate i capperi lasciandoli in acqua fredda, scolateli. tritate finemente il prezzemolo con i capperi e uniteli alla crema di burro Amalgamate il tutto e formate un composto omogeneo. trascorso il tempo di cottura delle patate, estraete la teglia dal forno . Disponete le patate su ogni piatto individuale e tagliatele a metà accompagnate con una pallina di crema di burro aromatizzato.
Prelevate con un cucchiaino un pò di crema e ponetela su metà patata calda , il calore tenderà subito  sciogliere il burro e sbrigatevi ad a gustarvi tutto il profumo e il sapore senza null’altro.

Prima di concludere voglio ringraziare Sandra tramite la quale sono venuta a conoscenza di questa iniziativa e le Fattorie Fiandino per avermi dato modo di scoprire il burro salato 1889, un prodotto genuino e di qualità, che ha colpito anche mio marito assolutamente un accanito talebano del burro e per il gran Kinara 
Buona domenica a tutti……..anche oggi mi aspettano le dimostrazioni degli chef a Culinaria  (ma di questo vi parlerò la prossima settimana)

14 Comments on Patate al forno con crema di Burro Salato 1889 aromatizzato

  1. Federica
    26 Febbraio 2011 at 15:49 (10 anni ago)

    mmmmmmmmm….da leccarsi i baffi!baci!

  2. Zia Elle
    26 Febbraio 2011 at 15:58 (10 anni ago)

    Buone le patate cotte in questo modo, le devo proprio provare, bravissima!

  3. EliFla
    26 Febbraio 2011 at 16:32 (10 anni ago)

    Allora..mia cara….sappi che ora è ufficiale: ti adoro…con una ricetta così…è proprio ufficiale…buon weekend, Flavia

  4. Angela
    26 Febbraio 2011 at 18:27 (10 anni ago)

    sto murenn !!!!! che spettacolo !!!!

  5. il sapore del verde
    26 Febbraio 2011 at 19:24 (10 anni ago)

    Splendide e buonissime, una presentazione chic per un piatto semplice ma pieno di gusto. Buona domenica. Deborah

  6. Marjlou
    27 Febbraio 2011 at 10:32 (10 anni ago)

    Complimenti: deve essere una ricetta squisita!!!
    Io uso lo stesso metodo di cottura della patata quando devo preparare l'impasto per gli gnocchi!!!!
    Un bacione e buona domenica!

  7. Claudia
    27 Febbraio 2011 at 10:52 (10 anni ago)

    @Ramona: grazie!!!!! spero di farcela a partecipare al tuo contest mi piacerebbe.
    @Federica: si si il sapore di queste patate ha lasciato stupita anche me sarà il burro salato che ha il suo perchè.
    @zia elle: provale e le cucinerai sempre così anche perchè sono pure salutari …a parte il burro…l'idea mi è stata suggerita da uno chef. baci
    @EliFla:Cara Flavia mi fai arrossire!!! io sono una timida ma grazie . un abbraccio grande.
    @Angela: benvenuta!!!grazie della notizia uaooooo divento famosa?????ahahahah
    @ilsaporedelverde: hai detto bene semplici ma gustosissime un pò come le patate cotto sotto la cenere che cucinavano i nostri nonni!!!! sapori di altri tempi e poi in questo modo la patata tira fuori tutto il suo sapore. baci
    @Marjlou: grazie cara. ma dai lo devo provare vengono sicuramente più buoni rispetto alle patate bollite. bacioni e buona domenica anche ate

  8. Eleonora
    27 Febbraio 2011 at 17:00 (10 anni ago)

    caspiterina…che robbina buona questa qui!
    smaaackkkkk

  9. Manuela e Silvia
    27 Febbraio 2011 at 19:10 (10 anni ago)

    Ciao, questo burro salato è una vera chicca.
    Deve avere un sapore molto molto ricercato.
    Perfetto come farcia pe queste patate al sale, croccantine fuori e fumanti dentro.
    Baci baci

  10. lerocherhotel
    28 Febbraio 2011 at 9:00 (10 anni ago)

    Ma che belle idea! ma sai che sono davvero troppo belle!

  11. Anna Luisa e Fabio
    28 Febbraio 2011 at 11:54 (10 anni ago)

    Le patate al forno ripiene sono una cosa che adoro. Il burro salato conferisce sicuramente un tocco in più!

  12. Chiaretta
    2 Marzo 2011 at 15:24 (10 anni ago)

    Adoro le patate e questa ricetta mi fa davvero gola!!!!da oggi hai una nuova lettrice!!! 😀

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.