Buongiornoooo e buon inizio settimana.
Ormai è arrivato il momento di fare il cambio di stagione che ne dite??? L’aria inizia ad essere freddina anche se il giorno le temperature alte riscaldano ancora..e accendere il forno diventa molto piacevole .
Come avete trascorso il weekend? Io come ogni anno mi sono dedicata all’olivoterapia a cui partecipo da ormai quasi 8 anni …cos’è??? una specie di terapia di gruppo sotto gli alberi di olive….semplice vado a raccogliere le olive nell’azienda di un amico (ex capo) situata nello splendido panorama del Parco dell’Appia Antica ..lui poi porta le olive al frantoio e mi ricompensa in olio ed io avrò il mio bel oro verde e piccantino con cui condire i miei piatti ..è un rito a cui partecipo ogni anno e l’olio puro ossia la spremitura di olive (biologiche per giunta) non ha eguali altro che supermercato o schifezze varie…insomma avete capito io l’olio non lo compro.. .raccogliere le olive è faticoso ma è anche divertente tra un’oliva e l’altra si cazzeggia, ci si racconta, si riflette, si parla della resa che faranno le olive si scommette  e poi tutti insieme a mangiare in giardino …io ieri ho portato questa crostata fatta per metà alla cioccopera (ve la ricordate la mia cioccopera???) e metà alla confettura di melecotogne e limone ..indovinate chi ha vinto??? la cioccopera …non avevo dubbi …la crostata è stata fatta fuori e neanche le briciole son rimaste.
Fare una crostata con due tipi di confettura permette agli invitati di poter scegliere il loro gusto preferito perchè può capitare che ad alcuni non piaccia il cioccolato ( è successo ieri)

CROSTATA DOUBLEFACE

300 gr di farina di grano tenero integrale (di cui 100 gr di fecola di patate per rendere la frolla più friabile)
1 uovo e 1 tuorlo
150 gr di burro (+ quello per lo stampo)
1 cucchiaino di lievito per dolci
120 gr di zucchero muscovado
1 pizzico di sale
250 gr di cioccopera
250 gr di confettura di mele cotogne e limone

La ricetta della frolla è quella classica. Mescolate la farina con lo zucchero e il sale su una spianatoia. Fate una fontana e mettete il burro ammorbidito amalgamate con le punta delle dita fino a formare delle grosse briciole. Poi rompete le uova al centro e lavorate la pasta finchè risulterà compatta , non preoccupatevi se restano dei granelli di zucchero si scioglieranno in cottura.
fate riposare in frigo per 1/2 ora.
Imburrate uno stampo per crostata. Mattete gran parte del composto al centro dello stampo e con i polpastrelli amalgamate la frolla allo stampo (io non la stendo con il matterello). Punzecchiate il fondo con i rebbi di una forchetta. Stendete sulla base di frolla per metà una confettura di cioccopera e per l’altra metà una di mele cotogne e limone.
Tagliate delle striscioline con una rotella dentellata e formate una griglia sulla crostata fissandole a bordi. Cuocete in forno statico già preriscaldato a 180 ° per 30-35 minuti .
Lasciate raffreddare prima di servire….successo assicurato

18 Comments on Crostata doubleface..ops DOUBLETASTE

  1. valentina
    17 Ottobre 2011 at 7:50 (9 anni ago)

    hahahaha anche io faccio sempre la crostata doppio gusto, così si può scegliere… 😉
    E ti capisco bene con l'olio, mio padre ha una piccola piantagione di olive, e il suo olio biologico per me non ha eguali!!!! ;))) baci

  2. marifra79
    17 Ottobre 2011 at 7:55 (9 anni ago)

    L'olivoterapia la faccio anch'io ogni anno, e mi piace tanto:-)))) Faticoso si ma è bello stare tutti insieme all'aria aperta! Che buona dev'essere questa crostata… un abbraccio e buona settimana Claudia!!!!!!!

  3. Al Cuoco!
    17 Ottobre 2011 at 8:51 (9 anni ago)

    Mi ha stancato solo l'idea di tutto quel lavoro che hai fatto! hehhee.. io sono moooolto pigra, infatti questo weekend ho oziato tutto il tempo!:P
    Troppo bella questa crostata! bravissima 🙂

  4. dolci a ...gogo!!!
    17 Ottobre 2011 at 9:13 (9 anni ago)

    E' una vera delizia questa crostata claudia sa proprio di golosità all'ennesima potenza!!!baci,imma

  5. Chiara e Marco
    17 Ottobre 2011 at 10:44 (9 anni ago)

    Anche noi da piccoli partecipavamo sempre alla raccolta delle olive nella campagna di mio nonno. Ma per noi bimbi era una festa, nessuna fatica!! 😀

    Marco di Una cucina per Chiama

  6. Ale
    17 Ottobre 2011 at 10:56 (9 anni ago)

    mamma che bello, stamattina sentivo alla radio una ragazza ceh con la famiglia stava proprio facendo la raccolta delle olive e….sai che mi piacerebbe come esperienza?!?!? devo informarmi…mi gusto la tua crostata e rifletto =) buona settimana

  7. Valentina
    17 Ottobre 2011 at 11:29 (9 anni ago)

    la cioccopera ce lho, ma quella di mele cotogne????

  8. Ely
    17 Ottobre 2011 at 11:35 (9 anni ago)

    L'olivoterapia che bella idea!!!! noi purtroppo non conosciamo nessumo da deve essere una splendida esperienza! e questa torta????? quella foto favolosa che compare sullo schermo appena apri il post dice tutto mia cara! baci

  9. Marina
    17 Ottobre 2011 at 13:03 (9 anni ago)

    Bella l'olivoterapia!
    LA crostata bigusto è da favola… anch'io avrei scelto la cioccopera 😉

  10. Stefania
    17 Ottobre 2011 at 15:10 (9 anni ago)

    Una bella idea dividere i gusti, ciao

  11. viola
    17 Ottobre 2011 at 18:50 (9 anni ago)

    Oh…. ecco che era doubleface! E io che pensavo avesse la marmellata anche sotto! Ahahahah. da una foodblogger ci si aspetta qualunque meraviglia! Certo che bigusto è proprio un'idea geniale…..c'è solo da sperare che la gente non si azzuffi per accaparrarsi il gusto preferito 😀
    Deliziosa claudia, bellissima idea 😀
    Un bacione

  12. i5mondi
    17 Ottobre 2011 at 19:13 (9 anni ago)

    anche io faccio la crostata bigusto soprattuto quando ho delle marmellate aperte!
    e…anche noi raccogliamo le olive vuoi mettere!!!!!
    un bacio
    Marisa

  13. Ilaria
    17 Ottobre 2011 at 21:22 (9 anni ago)

    Io preferisco il cioccolato alla confettura, ma l'idea del doppio ripieno è fantastica.
    Buona serata.

  14. Oxana
    17 Ottobre 2011 at 21:23 (9 anni ago)

    Uhhh che bella crostata! Bella idea, Claudia, di farla bigusto:))
    Bacione

  15. Claudia
    18 Ottobre 2011 at 8:04 (9 anni ago)

    @valentina: giusto due gusti sono mejo di uno!!!sappiamo riconoscere i sapori veri…e l'olio buono non si batte..:)
    @marifra: trascorrere la giornata all'aria a perta in mezzo alla natura è una delle cose belle dell'olivoterapia…si sente meno la stanchezza. un abbraccio a te
    @alcuoco: tendenzialmente sono pigra ma dato che le belle giornate qui a Roma ancora resistono perchè non approffitarne per stare fuori??? in compagnia la fatica si sente meno…kiss
    @dolciagogo: si la crostata era veramente buona, mi hanno fatto tutti i complimenti..kiss
    @marco: che bei ricordi….in effetti torno bambina quando raccolgo le olive , mi posso arrampicare sugli alberi…ciao
    @Ale: è bellissimo se stai in compagnia di amici ti diverti molto
    @valentina: cara…hai ragione a presto anche quella…kiss
    @Ely: un appuntamento a cui non rinuncio da anni..mi rilassa anche se a fine serata sono stanca…la crostata è stata letteralmente fatta fuori..bacioni
    @marina: l'olivoterapia funziona….e poi c'è la ricompensa di una fetta di crostata… anche io cioccopera ..
    @stefania: si così ognuno sceglie quello che preferisce..
    @cuppy: ciao e benvenuta nel mio spazio!!!
    @viola: che rimba…stamattina dormivo ancora in effetti doubleface è errato come definizione..volevo dire doubletaste..alla fine è prevalsa la cioccopera ma del resto chi resiste al cioccolato??grazie cara un bacione
    @dolcipensieri: vengo a curiosare da te….du gust is meglio che uan!!!ahahahh
    @i5mondi: eh si con quelle aperte si può fare anche quattro gusti!!!..allora sai che vuol dire aspettare l'olio!!! baci
    @Ilaria: eh sei una chocolate dipendente anche te…ciao
    @oxana: eh già il bigusto è meglio di un gusto solo no? bacione

  16. sississima
    18 Ottobre 2011 at 20:10 (9 anni ago)

    semplicemente deliziosa! Ti bacio SILVIA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.