Sono dell’idea che le cose semplici siano le più difficile da realizzare!!! Non siete d’accordo?

 Oggetto della sfida di settembre di MT  è la macedonia di frutta!! Naturalmente qui la bravura di Fabiana con tagli e intagli non si discute e quindi inutile cercare di imitarla cercando di ricreare qualche fiore o altro disegno con la frutta no mi son detta .. non ho voglia di cose complicate, la mia ricetta sarà semplice, ma ricercata ma con qualcosa di particolare (come in tutto quello che cerco di fare) ..quindi mi domando ‘se dico macedonia di frutta così d’impatto cosa mi viene in mente???’ ..Frutta semplicemente frutta!!!!
Come piace a me “nature”.
Vi dico la verità io la macedonia di frutta non la faccio mai, nel senso stretto del termine, perchè non la amo sarà che quando vivevo con i miei mia madre era solita fare la macedonia metterla in frigo e poi quando la tiravi fuori aveva rilasciato tutto il liquido per cui mai fatta in vita mia ……la frutta la mangio anzi non potrei vivere senza me la sbuccio la metto in un piattino e me la mangio a colazione o lontano dai pasti (come consigliano) ma sempre sbucciata …
.però non mi accontento perchè ok mangiare la frutta, di stagione su questo non si discute..non mi gratifica e dato che mangio per nutrirmi e non per alimentarmi ma di questo voglio parlare con voi in un post dedicato…devo renderla particolare e invitante e cosa di meglio di queste bacche rosse scoperte ultimamente e di cui ormai non riesco a fare a meno?
Quest’estate durante una cena tra amici abbiamo (io e l’altra parte di me) conosciuto un ragazzo con cui parlare di cibo è stato non solo molto interessante ma anche formativo perchè ci ha fatto scoprire l’esistenza di questo frutto sconosciuto e poco diffuso che sembra sia un’elisir di giovinezza: il Goji!!!
Capirai curiosa per natura sono andata subito alla ricerca di questi frutti misteriosi .
Le bacche misteriose che vedete al centro della mia rosa di frutta sono chiamate “Il Frutto della Longevità” ovvero Bacche di GOJI!!! Non trovate che la frutta in questo modo sia più invitante e accattivante?
ma cosa sono??Sono bacche essiccate di un frutto coltivato in Tibet e Himalayada chiamate “i frutti della vita” dai tibetani… e sembra siano la fonte più alta di antiossidanti della terra. Un frutto ricco di oltre venti minerali e con un quantitativo di vitamina C superiore alle arance con più betacarotene delle carote e più ferro degli spinaci…insomma un alimento unico. 
Mi domando se fa così bene perchè non è così diffuso???
Intanto io le mangio, sono buone sia così che reidratate (anzi forse meglio) sono simili nel gusto all’uva passa..

La ricetta non esiste in realtà
ho usato
1 pera bio
1 mela golden gala
1 kiwi a polpa gialla ( quelli neozelandesi )
bacche di goji a volontà
zucchero a velo
scaglie di noci macadamia

Per amalgamare la frutta ho preparato una riduzione di miele, limone e cannella
In una ciotolina mettete 2 cucchiaini di miele di acacia, la spremuta di mezzo limone sbattete con una forchetta per amalgamare e poi unite 1 cucchiaino di cannella setacciata. Sbattete ancora e mettete in un pentolino sul fuoco, lasciate cuocere per circa 5 minuti finchè vedrete che diventa quasi un caramello ma non dovete lasciarlo troppo perchè deve rimanere fluido ma denso. Versatelo sulla macedonia di frutta e spolverizzate con zucchero a velo.

 e anche questo mese partecipo alla sfida

30 Comments on Semplicemente Frutta..ma con bacche misteriose

  1. fantasie
    22 Settembre 2011 at 8:13 (9 anni ago)

    Ho comprato queste bacche a Barcellona e le ho finite tutte nel latte coi cereali… peccato… forse dovrei tornare in Spagna

  2. Ros
    22 Settembre 2011 at 8:47 (9 anni ago)

    non conoscevo l'esistenza di questa meravigliosa bacca e credo che sarà mooooolto difficile trovarla! ma dove si dovrebbe andare a cercare? cmq bella presentazione 🙂

  3. EliFla
    22 Settembre 2011 at 8:48 (9 anni ago)

    HAi ragione le cose più semplici ….all'MTC diventano le più difficili…ahahah, buona giornata, baci,Flavia

  4. dolci a ...gogo!!!
    22 Settembre 2011 at 9:43 (9 anni ago)

    Bellissima anche la tua macedonia tesoro deve esere freschissiam e poi presentata magnificamente!!bacioni,imma

  5. cristina b.
    22 Settembre 2011 at 10:04 (9 anni ago)

    non si finisce mai di imparare…
    che bello questo tuo fiore-macedonia, brava!

  6. Valentina
    22 Settembre 2011 at 11:18 (9 anni ago)

    che bella presentazione! ma si trovano qui in italia queste bacche? mi hai incuriosito!

  7. Stefania
    22 Settembre 2011 at 11:20 (9 anni ago)

    La semplicità non per tutti 😉 bellissima ricetta ciao

  8. Anonimo
    22 Settembre 2011 at 11:36 (9 anni ago)

    Le bacche della giovinezza … ecco perchè npon sono conosciute. Ti immagini se restassimo sempre tutti giovani e in salute? le case farmaceutiche potrebbero chiudere i battenti …
    stefania Profumi&Sapori

  9. alessandra (raravis)
    22 Settembre 2011 at 12:07 (9 anni ago)

    le becche di gojiiiiiiiiiiiii!!! le hai trovate!!!! pensa che quest'inverno sono impazzita a Londra, per cercarle- anche secche, ma niente: mi sa che 'ste rughe dovrò tenermele tutte!
    Anch'io non amo la macedonia e la decisione di farne un tema per l'emmetichallenge è nata anche da qui: ossia dalla consapevolezza che, lavorandoci un po' su, si sarebbero potute tirar fuori delle cose belle, per riqualificare una portata che ha tutte le carte in regola per fare la sua porca figura ovunque. Esattamente come dici tu nel tuo post- e come confermi con questa tua versione, che è spettacolare anche alla vista!
    Che dirti, se non grazie?
    un bacione
    ale

  10. Claudia
    22 Settembre 2011 at 12:19 (9 anni ago)

    @Stefy: io qui a Roma le ho trovate come al solito dal mitico Castroni!!! ma ho scoperto che le vendono anche on line….non prendere l'aereo fallo prendere a loro!!!! baci
    @Ros: è stat una scoperta anche per me per questo ho voluto condividerla….non so dove abiti ma magari i negozi di prodotti bio tipo Naturasi..oppure come ho detto a fantasie sopra..ciao
    @Flavia: MT..è veramente una grande prova ogni volta altro che Masterchef!!!! ahahahah
    @Dolciagogog: sei sempre tanto cara e gentile..grazie baci
    @Cristina: eh già…il bello è proprio questo che ogni tanto si scoprono cose nuove che aumentano la mia curiosità!!! baci
    @Vale: si certo…da Castroni qui a Roma..oppure on-line
    @Stefania: a volte si cerca di fare ricette complicate e invece basterebbe poco ….soprattutto con la frutta ..certo l'ochio vuole la sua parte .grazie cara
    @Stefania: ecco la risposta alla mia domanda!!!ahahahh ..e niente più creme antirughe sarebbe troppo bello vero???? un bacione
    @Alessandra: e pensare che invece a Londra ho letto che vanno molto di moda pensa!!!..ho visto molte belle presentazioni..questo vuol dire che MT fa uscire il meglio di noi!!!Grazie a voi!!! un bacione
    @

  11. viola
    22 Settembre 2011 at 18:55 (9 anni ago)

    E te pareva che una cosa tanto preziosa venisse dal Tibet e non dal Veneto!!!!! Ahahaha, vabbè dai, tanto ormai sono rassegnata e mi sa che anch'io come Alessandra le rughe me le tengo, tanto sto goji non lo beccherò mai!!!!!
    Però lo assaggerei molto volentieri…….
    Un bacione

  12. Fabiana
    23 Settembre 2011 at 10:28 (9 anni ago)

    Perfettamente d'accordo…le cose più semplici sono le più difficili e…..un po' di mistero nella vita e…nel piatto ci vuole!
    Un ingrediente nuovissimo anche per me, adesso non vedo l'ora di trovarlo e soprattutto provarlo!
    Grazie, mille grazie per il tuo ingegno e la tua proposta davvero personalissima e particolare!!!

  13. Marina
    23 Settembre 2011 at 11:09 (9 anni ago)

    Non avevo idea dell'esistenza di questa bacca miracolosa… ne sai una più del diavolo! Mi par di capire che non è così facile da trovare, che faccio per assaggiarlo vengo lì?! 🙂

  14. Cinzia
    23 Settembre 2011 at 13:09 (9 anni ago)

    Che bella la tua macedonia…Hai fatto diventare belli i kiwi gialli, che una volta tagliati proprio belli non sono 😉
    Sempre bravissima, oggi ho finalmente usato una delle tue spezie, spero che ti piaccia il risultato.
    Un bacione

  15. Claudia
    23 Settembre 2011 at 14:30 (9 anni ago)

    @Viola: ma quali rughe..sembri una bambina!!!!!e poi le donne con qualche rughetta hanno il loro fascino…Tu il goji cercalo magari lo trovi!!!!!un bacione cara e buon weekend
    @Fabiana: mia cara hai ragione se non ci rimane niente da scoprire che noia!!! pensavo che te lo conosci..certo con il goji da intagliare non c'è nulla…ho scoperto però che va reidratato un pò come l'uva passa..ma Grazie a te ….
    @Marina: eheheheh..in effetti l'ho trovata per caso ..ma vieni pure da me a prendere l'elisir di giovinezza…..ti aspetto
    @Cinzia: grazie cara! che bello rileggerti qui…allora vengo subito a curiosare nel tuo blog . Un abbraccio

  16. Cinzia
    23 Settembre 2011 at 14:46 (9 anni ago)

    un fiore bellissimo e anche prezioso.. queste bacche introvabili stuzzicano molto la mia curiosità e rendono ancora più speciale questo bel composé ;))

  17. Rossella
    23 Settembre 2011 at 16:16 (9 anni ago)

    Le ho visti da Castroni, ma mai comprati perché non sapevo che fossero. Ora non resta che riempirmi di Frutto della Longevità 🙂 Sia mai che sia utile come dice il nome. Da mangiarsi col frutto della passione e se mai esiste il frutto della salute

  18. /Alessandro
    24 Settembre 2011 at 13:54 (9 anni ago)

    Che bell'abbinamento con le bacche Goji! Brava Claudia!

  19. (m)E-Food
    25 Settembre 2011 at 19:02 (9 anni ago)

    bellissima presentazione! ora devo cercare queste bacche Goji… A presto, Dessi

  20. Gio
    26 Settembre 2011 at 20:40 (9 anni ago)

    interessante le bacche goji!
    bella la presentazione del piatto
    buona settimana

  21. un papero in cucina
    26 Settembre 2011 at 21:49 (9 anni ago)

    tesoro grazie per averci fatto scoprire questa deliziosa bacca di lunga vita 😀 nn so dove la troverò ma la cercherò. e apsetto il tuo post su nutrire/alimentarsi 😀

  22. marifra79
    27 Settembre 2011 at 8:15 (9 anni ago)

    Questo fiore è uno splendore! La bacca è una vera novità… ma quante cose ancora non conosco!!!!!!! Un abbraccio

  23. verdecardamomo
    27 Settembre 2011 at 17:12 (9 anni ago)

    @ragazzi/e: grazie a tutti voi…non mi resta che dirvi cercate le bacche Goji e troverete l'eterna giovinezza!!! ahahahah

  24. Annalisa -Piccanti Sapori Speziati-
    27 Settembre 2011 at 20:04 (9 anni ago)

    Ciao Claudia, anch'io sconoscevo questo frutto…e le sue interessanti proprietà! Complimenti per l'accostamento e grazie per aver condiviso la tua scoperta! Attendo curiosa il post in cui scriverai della differenza tra nutrirsi e alimentarsi…..
    Buonanotte 😉

  25. sississima
    27 Settembre 2011 at 20:05 (9 anni ago)

    Non conoscevo queste bacche, ma il tutto sembra delizioso, un abbraccio SILVIA

  26. verdecardamomo
    28 Settembre 2011 at 12:37 (9 anni ago)

    @Annalisa: 1° regola di una foodblogger è condividere!!!!per il post Stay Tuned!!! grazie cara
    @sississima: buonissime…le trovi da Castroni ..un abbraccio a te

  27. Alessandra
    30 Settembre 2011 at 0:04 (9 anni ago)

    Qui in NZ vanno di moda, sono definite un super food, le ho mangiate qualche volta, di solito mischiate ai cereali, ma nella tua frutta sono piu' belle 🙂

    ciao
    A.

  28. Claudia
    30 Settembre 2011 at 9:56 (9 anni ago)

    Alessandra: si infatti ho letto che in Australia e NZ sono molto più diffuse che in Italia.grazie cara.ho scoperto che reidratate sono ancora meglio .un bacio

  29. Stefano
    23 Novembre 2012 at 16:02 (8 anni ago)

    Buongiorno Claudia. Se per caso sei ancora interessata alle bacche di Goji, vorrei informarti che a Roma le vendiamo in Via Cavour 175, biologiche e di ottima qualità, ad un ottimo prezzo (18 euro mezzo chilo). Grazie e saluti,

    Stefano Lazzarini – cittadellallegria@gmail.com
    Tel: 3394583812

  30. verdecardamomo
    30 Novembre 2012 at 23:03 (8 anni ago)

    Grazie Stefano , mi segno l'indirizzo!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.