Buongiorno foodies!!

Siamo all’inizio di una nuova settimana che si prospetta interessante, mercoledì tengo una lezione di spezie al Campus Bio-Medico di Roma e sono parecchio emozionata. Quella appena trascorsa è stata invece una settimana di rogne da risolvere con la casa nuova, piccoli e grandi problemi che sono usciti fuori vivendoci …ma vabbè non mi piace lamentarmi l’importante è che tutto si sia risolto, e mi sono goduta il weekend in serenità, mi è venuta a trovare una carissima amica con cui ho trascorso il sabato pomeriggio al Parco degli Acquedotti vicino casa!!
L’autunno sta bussando alle porte e a casa VerdeCardamomo tornano le vellutate e le zuppe per la sera, energizzanti e rivitalizzanti.
Così sabato al mercato ho trovato il cavolo rapa che non avevo mai assaggiato finora. Un incrocio tra il cavolo selvatico e la rapa bianca. Sono sempre attratta dai cibi strani, così l’ho provato. Sembra poi che contenga molto potassio, magnesio e vitamina C e in questo periodo ne ho proprio bisogno.
Poi lo sapete mi piace giocare con le spezie, le uso tutti i giorni e sperimento nuovi accostamenti.E questo connubio tra cavolo rapa, zucca e macis è risultato davvero interessante poi a dare il tocco finale un giro di olio extravergine Intini, dopo questo stavolta ho provato la monocultivar Cima di Mola, fiore all’occhiello dell’azienda e tipica di Alberobello.
Una varietà in via di estinzione e ingiustamente declassata per via delle sue peculiarità che la rendono difficile da raccogliere e onerosa da lavorare.
All’olfatto risulta intenso e complesso con sentori di nocciola fresca, rucola e foglia di pomodoro. Mentre al palato risulta avvolgente con spiccate tonalità amare.

 

Crema di cavolo rapa, zenzero e macis con Olio Extravergine Intini Cima di mola

2 spicchi di aglio rosso
150 gr di zucca di Provenza
300 gr di cavolo rapa (2 non troppo grandi)
1 pezzetto di radice di zenzero (secondo i vostri gusti)
1/2 litro di brodo vegetale
2 gusci di macis
niente sale
pepe macinato al momento
Olio Extravergine Intini Cima di Mola 

Pelare la radice di zenzero e tritarla insieme agli spicchi di aglio. Rosolarli per qualche minuti in una casseruola con un filo di olio extravergine. Aggiungere il cavolo rapa pelato e tagliato a cubetti e fare rosolare per qualche minuto poi aggiungere il brodo vegetale caldo. Aggiunger i gusci di macis e lascia cuocere per circa 10 minuti infine unire la zucca tagliata a dadini, se necessario aggiungere altro brodo, sia il cavolo rapa che la zucca devono essere coperti dal brodo. Fai cuocere altri 15 minuti o fino a quando risulta tutto tenero. Togli i gusci di macis e con un frullatore a immersione frulla tutto fino ad ottenere una crema omogenea, se è troppo densa aggiungo poco brodo. Io non aggiungo sale non è necessario. Versa in singole ciotole e termina con un giro di olio extravergine Cima di Mola di Intini. Aggiungi se vuoi una macinata di pepe nero.

 

8 Comments on Crema di cavolo rapa, zenzero e macis con Olio extravergine Intini

  1. Cuoca Pasticciona
    21 ottobre 2013 at 9:06 (5 anni ago)

    E allora cara, in bocca al lupo per la lezione (che tanto andrà alla grande) e w le spezie e l'autunno!!! Creme e vellutate con a stagione fredda piacciono molto anche a me e questa è proprio super 🙂

  2. Dolci a gogo
    21 ottobre 2013 at 11:42 (5 anni ago)

    Conosco questo olio tesoro è ottimo e le tue vellutate non deludono mai cara, questa è delizosissssima!!Baci,Imma

  3. Cinzia Tamburo
    21 ottobre 2013 at 14:24 (5 anni ago)

    Quando fa freddo non c'è di meglio che una vellutata. Anche io non ho mai assaggiato il cavolo rapa. In bocca al lupo per la lezione, peccato non abito più a Roma, mi piacerebbe conoscere qualcosa in più sulle spazie.

  4. Arianna Frasca
    21 ottobre 2013 at 15:19 (5 anni ago)

    Macis??? Cos'è?? Conosco tutti gli altri ingredienti ma questo mi sfugge. Cercherò e proverò ^^

  5. verdecardamomo
    21 ottobre 2013 at 21:36 (5 anni ago)

    Arianna il macis lo vedi nella foto sono quei gusci che escono dal barattolino di vetro, non è altro che la membrana che ricopre la noce moscata, ma ha un sapore più delicato e raffinato della noce moscata. 🙂

  6. verdecardamomo
    21 ottobre 2013 at 21:37 (5 anni ago)

    Crepi !!!Si w l'autunno e le spezie….grazie

  7. verdecardamomo
    21 ottobre 2013 at 21:38 (5 anni ago)

    Peccato davvero Cinzia!! Le vellutate ti riconciliano con il mondo!! crepi il lupo!!

  8. verdecardamomo
    21 ottobre 2013 at 21:39 (5 anni ago)

    Eh già l'olio è un ingrediente fondamentale se non è buono ….Baci cara

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.