“Sono più miti le mattine
e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo,
la rosa non è più nella città.
L’acero indossa una sciarpa più gaia,
e la campagna una gonna scarlatta.
Ed anch’io, per non essere antiquata,
mi metterò un gioiello”.

(Emily Dickinson)
L’Autunno con i suoi colori e con le sue sfumature mi ha sempre affascinata.
Ricordo che da bambina, quando la scuola riapriva ad Ottobre, i miei ci portavano in montagna vicino il Monte Terminillo, si andava a cercare le castagne ma anche le nocciole e le noci e a raccogliere la legna per il camino della casa dei nonni. Mi piaceva tantissimo percorrere il sentiero attraverso il quale ci si addentrava nel cuore del bosco calpestare le foglie secche e sentire il loro rumore sotto le mie scarpe, ma ciò che mi piaceva era la ricerca di una bacca che per me equivaleva a trovare un tesoro guardavo curiosa come ero (e lo sono ancora) tra i tanti arbusti e mentre raccoglievo i ciclamini da portare alla mamma i miei occhi andavano alla ricerca di quei piccoli rubini ..poi all’improvviso uno compariva davanti a me e io mi riempivo di gioia per averlo trovato come aver partecipato alla caccia al tesoro e avere vinto……gioie di bambina.

ormai difficilmente vado in montagna…ma queste immagini sono di 1 anno fa durante il mio soggiorno in Trentino in cui ho potuto fare una breve passeggiata. 1 anno in cui sono successe tante cose ma quei colori sono rimasti impressi nella mia memoria. A Roma invece fa un caldo bestiale, le Ottobrate romane sono famose perchè continui ad illuderti che l’estate non sia finita ma le temperature di questi giorni sono veramente da spiaggia. A tavola invece l’autunno è arrivato e così ho voluto ricreare i colori dell’autunno gli stessi colori delle foto di quella passeggiata nel bosco.

 

Cestini di lenticchia di Onano e crema di patate al sale di liquirizia e pepe di Giava
(Dosi per 5/6 cestini)
200 gr di patate
50 gr di lenticchie di Onano
1 piccola cipolla dorata
1 spicchio di aglio
1 albume di uovo
pangrattato q.b.
parmigiano reggiano q.b.
latte q.b.
5 bacche di pepe di Giava ( detto anche cubebe)
1 cucchiaino da tè di polvere di liquirizia
 3 manciate di sale fino
Pestate le bacche di pepe nel mortaio fino a ridurle in polvere. Aggiungere 1 cucchiaino di polvere di liquirizia e 3 manciate di sale fino. Mescolare per amalgamare gli ingredienti tra loro.
Pulire le lenticchie da eventuali sassolini. Passarle sotto l’acqua. In  una pentola di terracotta fare rosolare leggermente la cipolla tritata e l’aglio tritato anch’esso. Aggiungere le lenticchie e coprirle di acqua. lasciate bollire per circa 40 minuti. Scolarle e metterle da parte.
Sbucciare le patate e tagliarle in 4 parti. Metterle in una casseruola con acqua fredda e sale e portare a ebollizione. Fate cuocere le patate fino a quando sono morbide. Scolarle e metterle in una ciotola schiacciarle e aggiungere un pò di latte fino a renderle cremose. Aggiungere un pò  di sale alla liquirizia  e pepe di Giava.
Quando le lenticchie sono tiepide aggiungere l’albume di uovo, il parmigiano e il pangrattato e amalgamare bene per formare un composto compatto. Foderare gli stampini da muffin facendo attenzione a premere bene contro le pareti dello tampino, infornare a 180 ° per circa 10m minuti. Togliere dal forno e dagli stampini i cestini di lenticchie e riempirli con il purè di patate aiutandovi con una sac a pochè.

 

E dato che il colore del mese di Colours and Food è il marrone, il colore dell’Autunno questa ricetta partecipa a Colors & food What Else?

19 Comments on Il Fascino dei Colori dell’Autunno…anche a Tavola

  1. I manicaretti di Annarè
    22 Ottobre 2012 at 6:47 (6 anni ago)

    Bellissima questa ricetta,e anche le foto che richiamano i colori dell'autunno sono bellissime!!

  2. Paola
    22 Ottobre 2012 at 7:17 (6 anni ago)

    che meraviglia.. foto spettacolari e ricetta unica, sei bravissima!
    Paola

  3. Kittys Kitchen
    22 Ottobre 2012 at 9:24 (6 anni ago)

    Mi immergo in questo post e respiro relax e caldo tempore autunnale.
    Questi piccoli cestino son davvero troppo deliziosi!

    ps. A Roma fa davvero un caldo incredibile

  4. Valentina
    22 Ottobre 2012 at 10:16 (6 anni ago)

    Claudiaaaaa!! potessi ti farei la ola per questa ricetta! Sei una meraviglia, davvero. Questi cestini sono splendidi in tutto e per tutto. Diamo il benvenuto all'autunno allora, anche se da te fa ancora caldo 😉
    un abbraccio forte e un grandissimo grazie,
    Vale

  5. Clara
    22 Ottobre 2012 at 12:20 (6 anni ago)

    sono senzap arole. estasiata e meravigliata da questi cestini così stupendi e deliziosi. sempre complimenti di vero cuore!

  6. Fico e Uva
    22 Ottobre 2012 at 13:03 (6 anni ago)

    Wow ma che ricetta pazzesca Claudia! Sono veramente senza parole…
    Hai ragione, è bello replicare i colori della natura sulla nostra tavola.
    un bacione
    ficoeuva

  7. Marina
    22 Ottobre 2012 at 17:38 (6 anni ago)

    Sono incantata dai sentieri trentini, dalle tue parole e dalla ricetta che è una sintesi autunnale meravigliosa! Un abbraccio

  8. Pola M
    22 Ottobre 2012 at 19:07 (6 anni ago)

    Ma che belli! All'inizio pensavo fossere muffins! Ma come fai a sformarli senza romperli?

  9. Cinzia
    22 Ottobre 2012 at 22:41 (6 anni ago)

    ricetta veraemnte speciale, Claudia, molto molto originale e chic, autunnale quel tanto che basta per scaldare gli umori 🙂
    GRAZIEEE!

  10. Any
    23 Ottobre 2012 at 11:17 (6 anni ago)

    Hai omaggiato questa bella e ricca stagione con un piatto meraviglioso! E le foto….tolgono il fiato! Complimenti davvero.
    Il verde è il mio colore preferito e il cardamomo l'ho scoperto da poco e mi piace. Aggiungermi ai tuoi lettori fissi è un piacere. Any

  11. l'albero della carambola
    23 Ottobre 2012 at 11:54 (6 anni ago)

    Mia vevi conquistata con quelle uova di quagli amarmorizzate…ma adesso dif ronte a questi cestini geniali che ti devo dire? Un super super brava Claudia. Sono a bocca aperta di fronte a questa meravigliosa invenzione…
    simo

  12. Claudia
    23 Ottobre 2012 at 16:23 (6 anni ago)

    Ragazze vi rispondo velocemente perchè sono a Torino grazie mille per i vostri complimenti . Un bacio a presto

  13. Claudia
    23 Ottobre 2012 at 16:26 (6 anni ago)

    Quando sono cotti si sformano tranquillamente perchè restano asciutti.

  14. Milena
    24 Ottobre 2012 at 9:41 (6 anni ago)

    i colori dell'autunno sono davvero favolosi, hai proprio ragione!

    come del resto, questi tortini 🙂 sembrano proprio golosi!!!

    leggo che sei a Torino….al Salone del Gusto? In tal caso, magari riusciamo anche a incontrarci!!

    un abbraccione

  15. Mai
    1 Novembre 2012 at 11:52 (6 anni ago)

    passo da te per farti un inchino con tanto di capello! Ma questi cestini sono una gioia per il palato ma anche per la vista!
    Sono sicura che prima o poi (più prima che poi…) saranno nel mio blog con tanto di ringraziamento a te!
    Mi inspirano taaaaaaaanto! E una idea mi è venuta: prporli come aperitivo per capo d'anno!

    Geniooooo!
    besos

  16. Claudia
    2 Novembre 2012 at 13:52 (6 anni ago)

    cara Mai direi che la tua idea per Capodanno è perfetta magari provali anche con un purea di castagne!! Son contenta che ti piacciono allora aspetto di vederli nel tuo blog. grazie baci

  17. Giulia Rizzi
    3 Novembre 2012 at 14:38 (6 anni ago)

    Ciao Claudia, questa ricetta è favolosa, la voglio provare al più presto! Io sono online da poco e il tuo blog è fonte d'ispirazione, se hai voglia di sbirciare anche il mio mi farebbe piacere avere qualche consiglio da una delle esperte! http://unavegetarianaincucina.it/
    Giulia

  18. Giulia Rizzi
    3 Novembre 2012 at 14:41 (6 anni ago)

    Ciao Claudia, questa ricetta è favolosa, la voglio provare al più presto! Io sono online da poco e il tuo blog è fonte d'ispirazione, se hai voglia di sbirciare anche il mio mi farebbe piacere avere qualche consiglio da una delle esperte! http://unavegetarianaincucina.it/
    Giulia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.